CARLOTTA BONANDIN

Ciao Edoardo, di quale esperienza vuoi parlarci oggi?
Salve a tutti! Vorrei raccontarvi qualcosa dell’esperienza all’estero che sto facendo
attualmente in India.

Che classe frequenti al D’Adda?
La 4 AFM.

Quando sei partito?
Il 27 luglio del 2018.
Quanto tempo starai all’estero?
La mia permanenza è di 10 mesi.
Perché e come hai scelto di fare questa esperienza?
Il desiderio è nato perché ho ospitato alcuni ragazzi che hanno effettuato lo scambio come me e mi hanno parlato con entusiasmo dell’esperienza portata a compimento da loro,  quindi il progetto mi ha incuriosito e stimolato; inoltre mi ha sempre affascinato vivere in un paese diverso dal mio per assaporare nuove culture.
Come descriveresti il tuo approccio con tante nuove persone?
Devo dire che sono un ragazzo estroverso e quindi non è stato difficile fare amicizia anche perché ho trovato persone sempre disponibili.
Credi sia utile la tua esperienza per il tuo futuro, perché?
Sì, innanzitutto perché si imparano nuove lingue e inoltre si riesce ad adattarsi a tutto
quello a cui non sei abituato nel tuo Paese.
Stai scoprendo lati nuovi del tuo carattere in questa esperienza?
Sì, devo ammettere che gli scambi ti danno il modo di pensare molto a te stesso.
Quale tra le abitudini di un’altra nazione ti ha lasciato più a bocca aperta?
L’usanza di mangiare con le mani.
Quale luogo che hai visitato ti ha affascinato di più?
Tenendo conto che sono solo in India da poco più di due mesi e quindi non ho ancora
visitato molto, per ora il posto più affascinante è sicuramente “Chamapaner”, dove si
trovano delle rovine appartenenti XVI secolo.
Riusciresti ad elencare alcuni pro e contro della tua esperienza?
I pro riguardano il fatto di imparare nuove lingue, conoscere culture diverse, adattarsi a
qualsiasi cosa, mettersi in gioco anche nelle difficoltà e conoscere tante persone. I contro
non ci sono.
Consiglieresti questo tipo di esperienza? Perché?
Certo, assolutamente, perché grazie all’approccio con nuove culture si riesce a vedere il
mondo da diverse prospettive e ci si può mettere in gioco nella vita reale.

Questa presentazione richiede JavaScript.